GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+

Le chiavi di casa

di Christian Lefta

Mi permetto di prendere in prestito le parole che compongono il titolo di una bella canzone di Niccolò Fabi, uscita nel 2016 come ottava traccia all’interno dell’album Una somma di piccole cose, per descrivere la strana bellezza di un tempo come quello estivo in noviziato. La casa si svuota, la comunità si disperde nei molti e diversi esperimenti, i soliti orari e i piccoli riti quotidiani che ritmano la vita in noviziato si sfilacciano per un attimo aprendosi a imprevedibili varianti. In questi casi uno sguardo attento coglie, all’interno dell’ovvio e del banale, un significato inedito, che è sempre stato lì ma che forse non vedevamo.

Tra un esperimento estivo e l’altro può capitare al novizio di dover fare base per qualche giorno proprio in noviziato. Sono delle singolari pause all’interno del grande via vai estivo, dei pit stop secondo me molto interessanti; ed è ciò che sto vivendo proprio in questi giorni a casa, in noviziato, a Genova. Le chiavi di casa rappresentano, forse, precisamente questa segreta possibilità di fare base, di rientrare, di fermarsi, di ritrovare qualcosa di familiare che permette di ritrovar-si. Trovare in tasca le chiavi di casa non vuol dire allora ri-trovare esattamente questa possibilità di viaggiare senza perdersi, di andare nel mondo senza smarrirsi, e perciò di poter tornare a casa anche solo per un attimo? Ritrovare le chiavi di casa non è forse poter ritrovare qualcosa di familiare e così, per un attimo, ritrovare se stessi? “Stai attento alle correnti / E non scordarti /Le chiavi di casa“.

2021-07-04

Si comincia!

20 Ott 2021

Al termine di un ritiro spirituale di tre giorni, lunedì 18 ottobre 2021, durante la celebrazione eucaristica comunitaria, sono entrati in seconda probazione i novizi del primo anno. E’ stato un momento semplice ma ricco di significato che ha segnato la fine della cosiddetta prima probazione: nella mente di s. Ignazio la prima probazione è un breve tempo di “prova” che si colloca all’inizio del percorso di formazione nella Compagnia e che aiuta a verificare la scelta; con la seconda probazione, invece, comincia un tempo piuttosto lungo di vera e propria formazione e che abbraccia i due anni di noviziato per proseguire con le tappe successive di studio e di servizio. Il primo anno è così composto: dalla provincia ungherese Benedek Rácz, Pál Füszfás, Miklós Forián-Szabó, József Fulajtár; dalla provincia euro-mediterranea Giacomo Mottola, Alessandro Di Mauro e Nicolò Lorenzetto. Buon inizio e buon cammino!

20 – 10 – 2021

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni