GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+

Il presepe di Genova

di Daniel Tímár

All’ ultima villa (così si chiama il nostro giorno libero, quando usciamo insieme dal noviziato) prima di Natale, preparandoci alla festa, abbiamo visitato il Presepe e la mostra del museo dei frati Cappucini. Come di solito, anche adesso sono rimasto stupito di come sia ricca Genova nel suo patrimonio culturale. Anche in questo museo abbiamo potuto incontrare pitture meravigliose e preziosità culturale.

Guardando le diverse pitture e le opere d’arte ho pensato come il lavoro dell’artista ha preso forma contemplando il mistero del Natale. Se loro lo hanno vissuto il processo come una preghiera, come un incontro col sacro, o solo stavano prestando attenzione ai dettagli di costruzione? Non so, quale sia la verità, ma di sicuro che per me la visione di questi lavori si è trasformata in una preghiera.

Nella seconda stanza del museo si trova forse il più famoso presepe della città, che è il capolavoro di Carmagnola Franco Curt degli anni 30. L’artigiano, in 40 m2, con l’aiuto di 150 personaggi in movimento, racconta le profezie di Isaia, Malachia e Michea, e la storia di nascita e infanzia di Gesù.

        (video – https://www.youtube.com/watch?v=66eWd5NIXSE)

Guardando il lavoro ho ringraziato per la bellezza della tradizione del Presepe, grazie soprattutto ai nostri fratelli francescani, perché abbiamo ricevuto un brillante e semplice strumento, in cui possiamo essere anche fisicamente nel mistero del Natale. Anche se lo prepariamo per la nostra famiglia, comunità o per noi stessi. Anche se ne allestiamo uno, o anche se solo ammiriamo.

In questo periodo di Natale incoraggio tutti che almeno una volta visitino un presepe. Per far sì che la visita diventi un incontro vivo con Gesù propongo il seguente esercizio.

 

Primo passo – preparazione dell’ incontro

Con quale animo parto?

Come un pastore? Come un re mago? Come un…?

Quali cose o chi è che io porto con me come un regalo?

Adorazione? Gioia? Gratitudine? Tristezza? Qualcuno?

 

Secondo passo – durante il viaggio

Che cosa, chi seguo?

Con chi mi incontro durante il viaggio?

Terzo passo – l’incontro

Guardo, contemplo la scena del presepe.

Saluto Gesù e tutti gli altri.

Dono ciò che ho portato con me.

Adesso è il tempo di conversare. Posso dire tutto ciò che è nel mio cuore.

Anche loro vogliono donarmi qualcosa?

Saluto.

Quarto passo – il ritorno

Che è successo durante questo viaggio, quest’incontro?

Che cosa ho visto, ho ascoltato, ho sentito?

Come era la conversazione con Gesù, Maria, Giuseppe e con gli altri?

C’è qualcosa di cui rendere grazie? Mi è stato regalato qualcosa?

Con quale spirito sono ripartito?

C’è qualche azione concreta che mi richiama?

L’ unità nella diversità

di Raul Petru Ciocani

A partire dalla frase “unità nella diversità”, con cui volevo intitolare questo articolo, vorrei descrivere la nostra vita quotidiana qui, a “Villa San Ignazio” a Genova.

L’ orizzonte comune che noi novizi abbiamo insieme ai nostri formatori e per il quale siamo qui, determina eventi, sentimenti, azioni che possono sembrare impossibili in tale contesto. Veniamo da sei culture diverse: italiani, ungheresi, danesi, maltesi, rumeni e insieme siamo impegnati per uno scopo comune, conoscere e vivere insieme al Salvatore, il nostro orizzonte, che è il centro determinante dell’equilibrio nella nostra comunità, che festeggeremo presto nella Natività.

Questo è il tempo in cui possiamo conoscerci, osservare i valori che ogni persona ha ricevuto dal buon Dio, metterli insieme per formare una comunità e allo stesso tempo conoscere noi stessi, lavorando sulla nostra crescita spirituale e culturale e ascoltare la voce del Creatore che ha invitato ognuno di noi su questa strada.

La nostra vita quotidiana è composta da questa realtà, che rappresenta l’approfondimento del rapporto con Dio che ciascun uomo è invitato a fare. La nostra giornata inizia con la liturgia preceduta da un momento di preghiera personale, ma ovviamente accompagnata da altre preghiere quotidiane e comunitarie. Gli studi non mancano nella nostra vita di noviziato, strumenti che saranno sempre utili negli impegni che ci saranno affidati e che arricchiscono la vita di un gesuita. Tutti questi sono accompagnati da alcuni momenti di intrattenimento, altri trascorsi insieme nello sport, in serate cinematografiche, giochi e un giorno speciale chiamato “giovedi di villa”, dedicato in particolare a visitare diversi luoghi della città e dei suoi dintorni, passeggiate in montagna o anche un rilassante giorno in spiaggia quando il tempo lo permette. Inoltre siamo chiamati a vivere in stretto legame alla vita spirituale delle persone che ci circondano, in particolare ai giovani, facendo apostolato in gruppi diversificati come il MEG, gli SCOUTS, o movimenti parrocchiali.

Trovando in Gesù il polo che offre l’equilibrio alla nostra esperienza e la cui grandezza riesce a racchiude tutta la nostra diversità, con certezza proseguiamo fiduciosi.

 

Raul P. Ciocani, novizio dal primo anno

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni