GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+
http://vocidifondo.altervista.org/wp-content/uploads/2018/03/the-terminal-tom-hanks-movie.jpg

http://vocidifondo.altervista.org/wp-content/uploads/2018/03/the-terminal-tom-hanks-movie.jpg

http://vocidifondo.altervista.org/wp-content/uploads/2018/03/the-terminal-tom-h

Info

Chi rimane davvero?

11 Ott 2018

Nel film “The Terminal” di Spielberg il protagonista rimane bloccato in un terminal per via di un problema di documenti e non può ne tornare a casa ne uscire dall’aeroporto. È costretto a vivere per un certo periodo nel terminal. Si trova ad avere a che fare con persone che frequentano quel luogo solo per qualche ora, o che si trovano a lavorare lì, ma non che vivono lì come lui. Si abituerà a trovare amicizie e una sua normalità in un luogo del genere. A parte la situazione surreale del film, in queste ultime settimane anche il nostro tranquillo noviziato mi è sembrato un luogo di passaggio. Non certo come un terminal, ma è diventato un luogo di passaggio per lingue, culture e storie diverse. Con i voti dei nostri compagni e la loro partenza una parte del noviziato è partita per Roma. Con loro sono partite risate, difficoltà e le amicizie nate negli ultimi due anni. Al momento del saluto davanti al furgoncino carico dei loro bagagli mi sono accorto che il noviziato è anche un luogo di partenze importanti. Non solo per la quantità di valigie che occupavano tutto lo spazio disponibile. Intendo per la quantità di esperienze maturate. I nostri compagni partiti per Roma avevano alle spalle due anni molto ricchi.

Una settimana dopo ci siamo ritrovati con i novizi del nuovo anno a guardare il porto di Genova nel sole di ottobre. In una giornata limpida, da seduti vedevamo tutta la linea della costa. In quel momento ho sentito il noviziato in un modo diverso dal solito, come non mi accadeva da un po’. Un luogo per vivere esperienze nuove, una nuova casa, un porto in cui attraccare. Questi giorni mi fanno riflettere sul noviziato come terra di chi parte e di chi arriva. Il luogo in cui si atterra e da cui si prende il volo. In effetti c’è chi parte e chi rimane. Alla luce di quel sole guardavo i miei compagni, ormai novizi del secondo anno, noi che rimaniamo. Poi guardavo i nostri nuovi fratelli. Pensavo che così inizia lo scambio, da una parte le nuove energie e storie di vita che arrivano da fuori, dall’altra la nostra piccola ma significativa esperienza del noviziato da far passare. In questo modo anche noi che rimaniamo siamo trasformati.

Così però manca qualcosa al quadro del noviziato. Qualche giorno fa infatti guardandoci a tavola con tutta la nuova comunità riunita mi chiedevo: è vero che noi siamo rimasti, ma alla fine chi rimane veramente in noviziato? La risposta era chiara. I nostri formatori, ciascuno col suo ruolo, ciascuno con la sua storia. Un po’ come il personaggio del film, vivono in un luogo che sembrerebbe solo di passaggio. Sono coloro che in questo tempo prezioso ci aiutano a dare una forma alla nostra vita. Ripenso a quante volte hanno aggiunto ciascuno il proprio contributo al noviziato, dal caos della cucina al silenzio del mese di esercizi. Sono loro che provano a dare costanza ad ogni nuovo inizio in questa casa. Se osservo i nostri cambiamenti di questo anno lo riconosco. Anche con la loro vita spesa qui in noviziato ci testimoniano qualcosa. Questo mi è sembrato un motivo più che valido per cui ringraziare. Ringraziare per chi rimane per permettere ad altri di partire.

Il primo giorno di scuola

di Christian Lefta

Arrivo a Genova il 3 ottobre, in un tiepido e sonnacchioso pomeriggio di inizio autunno. È la prima volta che metto piede in Liguria. Percorrendo la strada che dall’aeroporto conduce alla casa del noviziato, dal finestrino, vedo scorrere fuori edifici, scorci, angoli, piazze mai visti prima. Sullo sfondo, invece, vedo il porto, la grande Lanterna e infine la distesa azzurro-verde del mare che mi ricorda tanto gli anni vissuti a Napoli e che sempre mi allarga il cuore. In giro c’è poca gente: sono i primi giorni della lenta e difficile ripresa delle attività scolastiche e lavorative, dopo l’estate, ancora in piena emergenza sanitaria. Per un attimo mi guardo dentro: mi sento un po’ emozionato, forse timido e incerto come il sole che nascosto dietro nuvole grigie di tanto in tanto getta sulla città deserta qualche sprazzo di luce. Finalmente, dopo qualche tornante che si fa spazio attraverso il verde dei giardini, appare la casa. Riconosco l’indirizzo: Villa S. Ignazio, Via Domenico Chiodo, 3.

Varcato il cancello, comincia il noviziato. In effetti, mi dico, sembra proprio il primo giorno di scuola, o almeno la sensazione e l’atmosfera sono le stesse: l’ingresso, il cancello, le stesse farfalle nello stomaco, la stessa impazienza di cominciare, lo stesso desiderio di incontrare e conoscere i compagni, ma anche le stesse piccole paure che in genere accompagnano ogni nuovo inizio. Resta pur vero che ogni inizio è nuovo per definizione, in quanto tale, altrimenti non sarebbe un inizio. Mi piace pensare, però, che questo inizio sia nuovo in un modo per così dire unico. Unico come il primo giorno di scuola. A distanza di un mese e mezzo dal mio arrivo, oggi mi risuonano dentro e mi accompagnano le parole con cui p. Agostino, il padre maestro, ha introdotto il breve ritiro di prima probazione che conclude le prime due settimane di noviziato inaugurando il lungo periodo formativo che è la seconda probazione: “il Signore ci ha chiamati a una novità di vita”. La parola che mi colpisce di più e che in qualche modo segna questo tempo è proprio “novità”.

La stessa parola noviziato contiene, nella sua radice latina che la lingua italiana conserva, questo misterioso rimando alla novità: sento che il noviziato è il tempo in cui si impara a vivere la novità. E, in generale, imparare significa tornare un po’ bambini sui banchi di scuola. Come sui banchi di scuola, a volte, nella vita possiamo trovarci impreparati di fronte al nuovo, ma anche pieni di paura e di stupore. Per questo, mi piace pensare all’identità del novizio come a un bambino a scuola. Gesù stesso nel Vangelo descrive il mistero del Regno come qualcosa di nuovo che può essere imparato, cioè accolto, solo se cambiamo mentalità e diventiamo come bambini (cf Mt 18, 1-5; Mt 11, 25-30). Come bambini il primo giorno di scuola.

2020-12-06. Christian Lefta – novizio del primo anno

Commenti

Lascia un commento
Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni