GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+
https://archden.org/religious_order/missionaries-of-charity-m-c/#.XNL7Mo4zbIX

https://archden.org/religious_order/missionaries-of-charity-m-c/#.XNL7Mo4zbIX

https://archden.org/religious_order/missionaries-of-charity-m-c/#.XNL7Mo4zbIX

Info

Essere nuova creatura (Gal 6,15)

10 Mag 2019

22 Aprile 2019: Aeroporto di Genova, ore 13.40. L’addetta al controllo dei documenti dei passeggeri in arrivo dal volo proveniente da Tirana, dopo aver visionato la mia carta d’identità, mi chiede sorridendo: «Vacanza?» E io, divertito: «No, in realtà sono un religioso e sono stato in Albania per un’esperienza apostolica». Tralasciando il fatto che un simile dialogo con me come protagonista, l’avrei bollato come fantascienza fino a qualche anno fa, desidero raccontarvi qualcosa del periodo che ho trascorso nel paese delle Aquile.

Uno dei ricordi più belli che conservo è l’incontro con le Missionarie della Carità, l’istituto religioso femminile fondato da Madre Teresa. Durante il periodo che ho trascorso a Tirana e a Scutari, ho prestato servizio più di una volta nelle loro residenze e ho potuto conoscere da vicino il loro lavoro. Ciò che caratterizza il loro carisma è l’impegno a servire “i più poveri fra i poveri” e vi assicuro che incarnano questo ideale alla grande. Nelle strutture da loro gestite, sono accolti e ospitati in maniera stabile, persone affette fin dalla nascita da gravi disabilità sia fisiche che mentali e per questo rifiutate dai genitori, e diversi anziani che per ragioni d’età non sono più autosufficienti e che, privi dell’aiuto della famiglia, non ricevono più alcuna forma di assistenza. Ogni giorno provvedono tutto ciò che è necessario per assicurare loro una vita dignitosa.

A stupirmi però non è stato quello che fanno! Quello che mi ha sconvolto è il loro aspetto angelico. Nonostante conducano una vita molto austera, caratterizzata da numerose privazioni e osservino un ritmo di lavoro difficile da sostenere, il loro volto è sempre raggiante, una maschera di pace e di gioia, roba da fare invidia a un monaco buddhista. Sono molto gentili e accoglienti con gli ospiti, sempre mansuete e pazienti con le persone di cui si prendono cura e anche capaci di umorismo e ironia. Frequentando le loro residenze si capisce in concreto di cosa parlava Paolo quando diceva che ciò che conta è “l’essere nuova creatura” (Gal 6,15). Parlando con loro, si rimane poi colpiti sentendole affermare che il servizio ai poveri, la loro principale occupazione, non è il centro della loro vita e che tutto il loro impegno ha origine e trae senso dalla relazione con Gesù, che ci trasforma e che ci rende sempre più simili a Lui.

Questo incontro mi ha confermato nella certezza che il servizio ai fratelli e la preghiera regalano quella pienezza cui aspiriamo profondamente e che altre ricette non sono in grado di garantirci. Seguire il Signore, a volte può sembrare spersonalizzante, ma è proprio nel decentramento da noi stessi e nella morte del nostro egoismo e del nostro narcisismo che troviamo ciò che realmente desideriamo.

Note di viaggio

di Christian Lefta

Il 24 maggio la Compagnia di Gesù in Italia celebra la festa della “Madonna della Strada”, devozione così cara al padre Ignazio negli anni romani. In generale, l’immagine del pellegrino mi ha sempre dato una strana “gioia spirituale”. Inutile precisare che per i Gesuiti, “il pellegrino” – per antonomasia – è proprio Ignazio.

 

Qualche settimana fa, nel mezzo di un tempo di studio sulle fonti ignaziane nella Cueva di Manresa, con i novizi di secondo anno di Spagna e Portogallo abbiamo ripercorso, a dire il vero a ritroso, il cammino che Ignazio ha fatto dal santuario di Montserrat fino alla cittadina dove avrebbe ricevuto le illuminazioni spirituali più importanti della sua vita, Manresa appunto. Camminando verso Montserrat, andavo ripensando al cammino di Ignazio, quello fisico ma soprattutto quello interiore dei pensieri che si portava dentro, delle domande sul futuro, dei rimorsi per un passato piuttosto inquieto.

 

Ora, che sono qui a Genova, “nel mezzo del cammino” della vita di tutti i giorni, ogni tanto mi scopro a ripensare a quel cammino fatto, con gratitudine e gioia grande, perchè sento che quella strada non è stata solo “strada” ma è stata e non smette di essere una ricapitolazione e un’anticipazione, nel mistero, di ogni strada già percorsa finora e di tutta la strada che verrà.

 

XXIX
Caminante, son tus huellas
el camino, y nada más;
caminante, no hay camino:
se hace camino al andar.
Al andar se hace camino,
y al volver la vista atrás
se ve la senda que nunca
se ha de volver a pisar.
Caminante, no hay camino,
sino estelas en la mar.

(A. Machado)

 

Christian Lefta

Commenti

Lascia un commento
Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni