GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+

Pregate con noi!

05 Nov 2020

Ogni giorno, alla fine della messa delle 8, la nostra comunità prega insieme per le sfide che i tempi del Covid19 ci stanno portando. Usiamo la preghiera seguente. Unitevi e pregate con noi:

Preghiera ai tempi del Covid-19

Dio, Creatore onnipotente e Padre nostro.
Tu non godi per la rovina dei viventi,
ma hai creato tutto per l’esistenza.

Nel tuo disegno d’amore anche il virus ha un posto.
Aiutaci ad accogliere questo tempo di pandemia
come un’occasione di crescita.

Accogli nel tuo Regno tutti i defunti,
dona pace a chi muore abbandonato e in angoscia,
dai conforto a chi è in lutto per i suoi cari
e guarisci gli ammalati.

Concedi saggezza ai governanti
e un senso di responsabilità a noi cittadini.
Sostieni con la tua forza gli operatori sanitari
e dona sapienza agli scienziati
in cerca di cure e vaccini.
Fa che la crisi economica sia affrontata
con solidarietà e giustizia.

Non lasciare che le nostre paure e i nostri egoismi
vincano in questo tempo di prova,
ma accresci in noi i frutti del tuo Spirito.

Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.
Amen.

Potete anche scaricare la preghiera in formato PDF:
Preghiera ai tempi del Covid-19.

Tempo di Avvento: e quindi?

di P. Agostino Caletti – maestro dei novizi

Avvento: che significa? Faccio un click e trovo una delle tante definizioni: arrivo, venuta (già annunciata). Nella tradizione cristiana, è il tempo di quattro settimane che prepara al Natale, cioè rievoca, attraverso letture e liturgie, l’annuncio e l’attesa di un salvatore. Ma cosa ha da dirci tutto questo nel tempo che viviamo? Certo la nostra attesa maggiore sembra essere quella che il virus venga sconfitto e possiamo tornare a vivere come prima. Forse però questo tempo ha da trasmetterci molto di più; forse ci può traghettare in orizzonti nuovi. In che modo?

Un giorno una persona mi racconta di sentirsi un po’ compressa, perché abituata a vivere la vita come su una macchina in corsa. Ora c’è invece da parcheggiare, scendere e provare a compiere quei tragitti usuali a piedi. Quante cose si possono osservare a piccoli passi; che differente immersione nella realtà, della quale finalmente accorgersi, senza attraversarla in corsa. Paesaggi; persone; differenti percorsi; l’esistenza dei poveri intorno a noi…

Ecco a cosa ci apre l’Avvento quest’anno! Approfittare di questo rallentamento forzato, per dare spazio a quanto viviamo con fretta e quasi senza più valore: il tempo per osservare; il tempo per riflettere; il tempo per una conversazione senza orologio in mano; il tempo da donare. E, perché no, il tempo per una preghiera quotidiana semplice, nella quale raccontare al Signore quanto ho vissuto nella giornata; quali sono oggi le attese e i desideri del cuore. Forse non differenti da quelli che vivono i personaggi che troverò, prendendo le letture quotidiane del tempo di Avvento.

Non sciupiamo allora queste settimane! Non rendiamole solo un’anticamera del Natale, ma un’opportunità di lasciar parlare il periodo odierno e di ricordarci che il nostro è il Dio con noi.

2020-11-29 P. Agostino Caletti

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni