GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+
In cammino...

https://pixabay.com/it/photos/sabbia-orme-impronte-beach-costa-768783/

https://pixabay.com/it/photos/sabbia-orme-impronte-beach-costa-768783/

Info

In cammino…

A fine settembre è iniziata per me e per altri otto ragazzi l’esperienza del noviziato nella Compagnia di Gesù. Da diverse parti d’Italia e d’Europa siamo arrivati a Genova, a villa Sant’Ignazio. Io, per la verità, causa maltempo sono atterrato a Torino e ho dovuto affrontare una piccola odissea per arrivare a Genova. Ma questa è un’altra storia…

Tornando al gruppo di primo anno, per la provincia Euro-Mediterranea, siamo quattro italiani e due rumeni. Da altre province arrivano, invece, due ungheresi ed un danese. Un gruppo decisamente eterogeneo, europeo e diverso. L’età: si va dai 22 anni del più piccolo tra noi, ai 46 del più anziano, anche se lui preferisce “diversamente giovane”. Ci sono ingegneri, laureati in lettere, in scienze religiose e in relazioni internazionali. Per non farci mancare nulla abbiamo, nella squadra, anche due sacerdoti.

Per tutti, a fine settembre è iniziato il cammino di prima probazione (primo ambientamento), terminato con il ritiro spirituale del 11-14 ottobre. Nella Santa Messa celebrata lunedì 14, ai novizi di primo anno è stato consegnato il testo degli scritti di Sant’Ignazio. Poi, ognuno di noi ha trascritto nel registro del noviziato la formula con la quale si impegna a camminare nella Compagnia e con la Compagnia, sancendo, così, l’ingresso in seconda probazione, ovvero nel vero e proprio cammino di formazione.

Il 17 ottobre, con tutta la comunità, ci siamo recati in pellegrinaggio al santuario della Madonna della Guardia di Genova. Un’esperienza piuttosto “apocalittica” e indimenticabile! Siamo partito con il sole ma, una volta intrapreso il cammino e dopo una decina di chilometri, a piedi, il cielo si è oscurato su di noi. In breve, a metà del cammino più o meno, è venuta giù tanta di quella pioggia da non crederci. Così, inzuppati come spugne, siamo arrivati quasi esausti al Santuario che, a dire il vero, si vedeva a malapena per via della foschia! Lì abbiamo celebrato la Santa Messa di ringraziamento a Maria, alla quale abbiamo affidato il nostro cammino di novizi e pellegrini.

Insomma, si parte! E’ iniziata, per noi, questa avventura che ci vedrà camminare alla ricerca di conferme, in questa scelta di consacrazione alla vita religiosa, seguendo la via di Sant’Ignazio di Loyola. Il cammino è lungo e non sappiamo cosa ci riserverà il futuro, la vita e la Provvidenza, ma sappiamo che è tempo, questo, propizio per discernere e decidere. Consolati dall’esperienza di chi prima di noi è passato per questa strada, camminiamo.

Ora, alla fine di questo articolo, è legittimo domandarsi qual è il senso di una scelta come quella del noviziato, oggi. Dare una risposta a questa domanda è, forse, un’impresa troppo ardua. Ho pensato, allora, di raccontarvi semplicemente una storia che ho ascoltato da un sacerdote missionario in Brasile. Mentre era in visita ad un piccolo villaggio dell’Amazzonia, è stato accolto in una casa piuttosto piccola e piuttosto povera, lontana da qualsiasi altra casa o villaggio. Al termine della visita, quando si stava congedando, gli è stato offerto un dono che ha provato invano a rifiutare. La padrona di casa gli ha detto: “Il poco che abbiamo con Dio è molto, il molto senza Dio è niente, il poco condiviso è benedetta abbondanza”.

Luca Lacerenza

Capodanno e Pink Floyd

di Giovanni Barbone

4 febbraio 1974 Nel nuovo disco dei Pink Floyd “The Dark side of the Moon” il cantante David Gilmour nel brano Time canta provocatoriamente “ogni anno si sta accorciando”, lasciandosi dietro di loro un’atmosfera malinconica, di fronte all’inevitabile incedere dei giorni vissuti in maniera vuota.

31 dicembre 2019 Sono circa le 19.30 quando assieme ad un altro novizio mi appresto a suonare al campanello del Crocicchio, ricovero per senza dimora dell’opera S. Marcellino della Compagnia di Gesù, per celebrare il mio Capodanno in maniera insolita, “in an offhand way”.

L’operatrice, come al solito, ci apre la porta sorridendoci e, dopo averci salutato, ci assegna la stanza dove avremmo passato la notte.

Dopo esserci sistemati rapidamente, siamo scesi nel refettorio dove era stata allestita una grande tavolata per passare assieme a tutti gli ospiti il nostro cenone di Capodanno. I nostri vicini di posto sono stati quelle persone che ogni giorno accompagnano silenziosamente, senza che ce ne rendiamo davvero conto, il nostro camminare nelle città in cui viviamo.

Seduto attorno a quel tavolo, sembrano lontani i giorni di metà novembre in cui davanti alla fatidica domanda “E tu cosa fai per Capodanno?” nasceva spontaneamente dentro di me quel senso di ansia per dover provare a dare una risposta adeguata a una tale aspettativa generale. Come se fosse fondamentale non dover “buttare via” nemmeno un’occasione della propria giovinezza per godere pienamente della propria vita.

Eppure, questo fronteggiare il ripetersi di questa domanda, con la speranza di trovare la risposta giusta per non sprecare l’ennesima occasione riproposta, non ha mai impedito al sole di”continuare a tramontare per poi risbucarti alle spalle, mentre tu lo rincorri tentando di raggiungerlo”.

Nella semplicità della nostra vita, mi rendo conto di come davvero “ogni anno  si stia accorciando”, anzi, anche che “il sole è relativamente lo stesso ma io sono più vecchio, con il fiato corto e un giorno più vicino alla morte”. Eppure non me la sento proprio, oggi, di dire di “sciupare e sprecare il tempo”.

Certamente, come novizi, lo impieghiamo in maniera non convenzionale. Ma non lo sciupiamo.

Il Natale, che abbiamo celebrato pochi giorni fa, infatti, ci ricorda che quel “Qualcuno o qualcosa che ti mostri la via” l’abbiamo già trovato, o forse meglio, ha già trovato noi e il modo di riempire di senso le nostre giornate.

Davanti a questa consapevolezza, seppur parziale, non immediata e indolore, scompaiono i momenti di ansia in cui sembra obbligatorio dover tornare a ottimizzare il proprio tempo. Quel tempo che prima mi sembrava di non avere e che impiegavo per salvare i miei piani ed evitare che non portassero a un nulla.

È vero che “nessuno ti dice quando correre”, ma lo sparo di partenza non si trova chissà dove fuori di noi, ma all’interno della nostra storia.

 

Il tempo è andato, l’articolo è finito.

Buon anno di ricerca. Buon 2020!

Commenti

Lascia un commento
Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni