GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+

Con un po’ di creatività…

di Pasquale Landolfi

Non è certamente facile parlare del Noviziato ai tempi del Coronavirus. Come per tutto il resto della popolazione i programmi sono saltati, le esperienze rimandate, gli incontri procrastinati. Contemplare l’operato del Signore in questo tempo diventa un esercizio sottile a causa della monotonia del quotidiano.

Ci vuole occhio attento e la grazia del discernimento per scoprire la bellezza nascosta all’interno della comunità. Ultimamente ci stiamo lasciando arricchire dalle possibilità della vita comune. Un novizio ha proposto ad ognuno di poter condividere argomenti che ha a cuore o che reputa utili per l’edificazione comune e come in ogni comunità sorgono le idee e i commenti più disparati.

Ispirati dalla spiritualità ignaziana, io e Daniel N. abbiamo avviato dibattiti su due argomenti decisamente contemporanei e che hanno generato quella che Papa Francesco chiama una “sana inquietudine” nei nostri compagni a cui ha fatto seguito un piccolo esercizio di discernimento comunitario.

I titoli dei dibattiti sono “Evangelizzare i nones”, categoria di persone che pur sentendo un richiamo per la spiritualità non reputano di potersi riconoscere in una religione codificata e “Instagram e missione apostolica: è possibile?” al fine di valutare le possibilità comunicative dei social in un discorso apostolico e approfondire le dinamiche sociologiche che comportano.

Con la creatività che ci è richiesta dal Santo Padre tutti si sono messi in gioco con rispetto reciproco e dialogo aperto, un esercizio che aiuta a conoscersi di più, apprezzarsi e riconoscersi sempre più comunità che insieme propone, pensa, discute e cammina, in dialogo non solo tra di noi ma col mondo cui siamo chiamati a far parte.

Pasquale Landolfi, novozio del primo anno

Come una motozappa in azione sul terreno

di Marco Garbari

La motozappa è una macchina agricola, con motore e guida a manubrio, utilizzata generalmente per zappare e sarchiare il terreno.
Tra poche settimane ci troveremo a preparare il nostro orto per la semina di nuova stagione. Per lavorare al meglio il terreno utilizzeremo la suddetta motozappa.
Ricordo che anche lo scorso anno, in questo periodo, intraprendevamo la stessa operazione; utilizzare e vedere in azione questo macchinario subito evocava in me qualcosa. Con lo scorrere del tempo il ricordo di quest’esperienza ogni tanto riaffiorava e, con simpatia, mi si presentava come una metafora utile a comprendere che cosa fosse la vita in noviziato.
Spesso, infatti, le persone ci chiedono cosa significhi vivere il nostro tempo o che cosa facciamo ma sovente è difficile spiegare, adesso allora voglio rispondere con questa metafora.

La vita in noviziato è come una motozappa in azione sul terreno.

Vivere il noviziato spesso vuol dire essere disposti a “sprogrammare” i nostri meccanismi interiori o esteriori, abitudini, ecc. Questo implica scavare un solco profondo dentro di noi che ci permetta di spogliarci e liberarci di tante “sovrastrutture” superflue e lasciar quindi andare le precedenti maschere, precomprensioni, difese, idee o falsi idoli. In questo modo, finalmente, è possibile conoscersi veramente per quel che si è. Ciascuno di noi, infatti, è abitato dentro di sé, in parte consapevolmente ed in parte no, da tutta una serie di attaccamenti. Il percorso spirituale proposto da Sant’Ignazio di Loyola, ci invita proprio a liberarci interiormente di questi “pesi”, che lui chiama “affetti disordinati”, per sentirci così riconciliati con noi stessi, con Dio e con gli altri.
A tal proposito mi collegavo all’immagine della motozappa in azione che gira e rigira la terra ormai secca frammentandola e rimescolandola in piccoli pezzi, creando così un nuovo strato di terreno fertile, che splende di nuovi colori e sfumature, ma soprattutto è fortificato e rinnovato.
Lo stesso procedimento avviene per noi novizi nella vita quotidiana: ci alleniamo ogni giorno a prendere contatto con noi stessi e conoscere quei lati che prima apparivano nascosti. Non si tratta però di un’introspezione psicologica ma di una preghiera, nella quale chiediamo al Signore costantemente di accompagnarci, donarci Luce e guidarci con la Sua Presenza.

In questo senso pensavo che la discesa in profondità della motozappa sia molto evocativa. Rimanda allo stato in cui si permane nella preghiera profonda, richiama l’ascolto della Parola, quello delle altre persone, ricorda il lavoro paziente che Dio compie nei nostri confronti per guidarci passo dopo passo verso la Sua volontà.

Vorrei terminare quindi invitandovi a riscoprire la bellezza della preghiera e interessarvi della spiritualità ignaziana. Gesù predicava queste Parole: «Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me, perché io sono mansueto e umile di cuore; e voi troverete riposo per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero» (Mt 11, 29-30).
Quanto descritto sopra non è altro che predisporsi ad accogliere queste Parole, prepararci a ricevere questo giogo dolce e questo carico leggero. La Sua presenza poi farà il resto.

Marco Garbari, novizio del secondo anno

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni