GESUITI noviziato
Noviziato della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù
iten
facebookTwitterGoogle+

Massimo Sebastiani

Persone, luoghi e cose semplici: la grandezza dei disegni di Dio

Ho 47 anni, sono prete da oltre 22. Fino allo scorso settembre sono stato parroco in diversi luoghi e insegnato Diritto canonico nell’Istituto Teologico Leoniano di Anagni. Mi piace la montagna, amo la campagna, nel tempo ho imparato ad ascoltare le persone, dedicando a questo molto tempo. Mi affascina da sempre lo studio della devozione popolare e mi piace accompagnare quanti ne vivono le forme nel loro cammino di fede.

Sono nato ad Olevano Romano, provincia di Roma e lì sono cresciuto felice, nella libertà che offre un piccolo paese di provincia. Sono grato alla mia famiglia e agli amici per il molto che ciascuno di loro mi ha insegnato.
Sin da piccolo ho frequentato la parrocchia. Ero ancora un ragazzo quando l’allora giovane vice parroco, mi pose la fatidica domanda: “Ma tu hai mai pensato di diventare prete?”. Credo che il terreno fosse ben preparato, perché subito ho sentito di poter rispondere positivamente. Conseguito il diploma di maturità magistrale, sono entrato nel Pontificio Collegio Leoniano di Anagni, seminario regionale per le Diocesi Suburbicarie e il Lazio sud, dove la Compagnia di Gesù è stata presente dalla fondazione (1896) al 1991, anno del mio ingresso. Qui ho conseguito il baccalaureato e la licenza in ecclesiologia pastorale. Durante gli anni del seminario ho potuto fare alcune esperienze che considero fondamentali per la mia vocazione: il lavoro con i lebbrosi presso la missione camilliana di Khokwat, in Tailandia, il volontariato al Cottolengo di Torino, una missione popolare presso una zona pastorale al confine tra Lazio e Campania.

Sono stato ordinato prete nel 1997. Ho conseguito poi il dottorato in Diritto canonico presso la Pontificia Università Urbaniana e la laurea triennale in psicologia presso l’Università Pontificia Salesiana.
Ho conosciuto qualcosa della Compagnia di Gesù, grazie al padre Tommaso Sbardella, al film Mission, a tutto quello che nel seminario parlava della Compagnia, agli esercizi spirituali annuali (dati rigorosamente da Gesuiti), al bellissimo pellegrinaggio ai luoghi ignaziani organizzato per celebrare il centenario del seminario, nel 1996. Quello che mi ha portato a conoscere e ad apprezzare sempre di più la Compagnia è stata prima la bella collaborazione pastorale, poi la profonda amicizia nata con P. Gaetano Piccolo. Il suo modo di essere Gesuita e quello di tanti confratelli che mi ha fatto conoscere mi affascinavano così tanto che nel 2016 ho chiesto formalmente al Vescovo di poter fare un’esperienza nelle comunità di Bologna e Scampia. Rientrato in diocesi, ho continuato il discernimento attraverso la direzione spirituale e vari colloqui con diversi Gesuiti. Alla fine del percorso, sentendo forte il fascino della vita religiosa dei Gesuiti, il loro stile di vita essenziale, il clima di fraternità che ho percepito tra loro e il prezioso servizio che prestano alla Chiesa, ho deciso di entrare, pur non essendo più giovanissimo. A darmi forza la mia famiglia, gli amici, tanti sacerdoti, religiosi e religiose e i parrocchiani stessi, che pur nella sofferenza per il distacco, mi hanno unanimemente incoraggiato. Il 29 settembre scorso sono entrato in noviziato, disposto a fare quello che Dio vuole da me, sicuro oggi più che mai che solo nella sua volontà è la nostra pace.

Commenti

Lascia un commento
Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni